Luci d’autunno

Oggi è stata una bellissima giornata. Una giornata fatta di tante cose calme e piene di cuore, messe a fuoco nella luce di questo inizio d’autunno. Quando ero uscita dall’ospedale tutto sembrava fatto d’incanto, di meraviglia e gratitudine. Però poi c’era la vita che correva, e non si poteva stare con un piede dentro e uno fuori, e non si poteva neppure raccontare ancora e ancora che avevi visto esattamente la linea che divide il buio e la luce.

Però c’erano immagini e ancora tanto sentire che veniva fuori quando eri arresa, che faceva nido nella notte e chiedeva tempo e attenzione. E dov’era allora la risalita sfolgorante che tutte le leggi spirituali annunciano dopo la caduta più profonda? Me lo chiedevo e ogni tanto alzavo gli occhi agli Dei con sguardo di martire che non ce la fa più a rispondere a richieste di coraggio e di forza.

E così ogni tanto era anche risalito in gola quel sapore aspro, arido, freddo che è arrivato qui con me da altre vite e che fa tappa nei momenti limite della mia vita, quando o mi spezzo o salgo un gradino di verità. Quei momenti di “questa volta è davvero troppo” in cui non ricordi che ce l’hai sempre fatta e che hai ogni volta ringraziato la notte attraversata.

Così oggi era il giorno in cui dal fondo più fondo risorgeva la luce della chiarezza, e ho visto che non era un incaponirsi contro di me questo strascico di buio: era la guarigione vera che stava facendo il suo corso, che aveva affondato gli artigli nelle mie radici, che aveva afferrato il male e lo teneva tra le dita, in attesa che io aprissi i muscoli per farlo uscire.

In attesa che io avessi sguardi ampi per guardare oltre i rimedi trovati fino a qui, oltre le linee del tempo in cui questi erano diventati abitudini che io avevo scambiato per natura. Già così tanto nel profondo mi è richiesto di lasciarmi trasformare: di offrire le mie protezioni e di rimettermi davvero in gioco senza vecchie paure, poiché le paure pregiudicano le cose fresche che porta la vita, e pensi sempre che siano uguali a quelle vecchie che ti hanno ferito.

Ieri, grazie ad alcune parole che mi facevano partorire questa me originaria, di ritorno nel suo regno, ho finalmente visto, ho accolto, ho accettato. E oggi sono pronta a salutare tante incarnazioni, a finire lo scuro che mi separa dalla nuova nascita. Sono pronta a rischiare, a fidarmi, a farmi stare vicino.

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

La stanza del cuore

Vedi, da quando sei nella mia vita mi sembra di avere più spazio. Di essere in una stanza più grande. E questo coinvolge ogni parte […]

Read More…