Esercizio di presente

Stanno fiorendo le ginestre e io non ho risposte a molte domande. E so che ora l’unica cosa giusta è restare senza, è stare con i piedi nell’erba, dentro il canto dei grilli, goccia tra le gocce in un temporale. E cercare di occupare meno spazio che posso con i pensieri, per non rubare possibilità alla Grazia, quando vorrà entrare.

La cosa giusta, cioè vera, in questo momento è amare le cose di me che nessuno ha mai amato, le cose in cui io mi sono abbandonata e che ho voluto tenere nascoste per non farmi abbandonare. Prenderle tra le braccia, fare loro festa. E stendermi con loro al sole del nuovo giorno, senza neanche una cellula che disegna come sarà il domani.

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

Scegli la luce!

Eccomi. Sono pronta a ripartire, e spero che i punti rotti per la mia recente esperienza di malattia siano ora ponti in cui può  passare […]

Read More…

In viaggio verso il cuore

Penso a una corriera del mattino: sul sedile è seduta mia madre. Viaggia con la borsetta stretta all’addome, i giornali freschi, qualcosa di buono e […]

Read More…

Partire per dove

Così ieri finalmente ho pianto. Non era sofferenza, era il venire a galla della mia parte fragile che chiedeva di essere vista e accolta. Era […]

Read More…