Il filo che ci tiene insieme

Mi è rimasto attaccato un abbraccio.

Non importa neppure molto la geografia da cui è arrivato. Era già dentro di me, e il mondo non ha potuto che manifestarlo.

Mi capita infatti in questi giorni di trovare il filo che tiene insieme tanti luoghi e momenti dell’amore. E volti, gioie e anche molti dolori. Li osservo tutti con uno sguardo di pace, di gratitudine. Neppure uno di questi passi è stato inutile per arrivare dove sono ora.

E così ogni tanto, da qualche angolo del cuore, sbuca una voce, un volto: alza un braccio e saluta con la mano. Arrivano da anni di silenzio pezzi di me che sono sempre rimasti vivi, perché sotto la nostra fretta di trovare qualcosa che è eternamente dopo, più avanti, c’è in realtà una sincronia che lega tutto ciò che è vero e dove nulla può scadere e finire.

Quando ci si ritrova, non c’è neppure bisogno di chiedere cosa sia successo nel frattempo. C’è solo quello che c’è, quello che è stato pulito dal troppo di realtà, che ora riluce, pulsa. Che riempie di senso.

In questo modo, con questo spazio nel petto l’altra sera sono uscita di casa, e c’era un abbraccio ad attendermi.

Anche l’amore arriva quando già ami, quando sei alla sua altezza.

 

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

Contenere in sé la bellezza

Questa mattina, prima di partire, mi sono seduta davanti al giardino della stanza che mi ospitava nel mio nuovo girovagare. A lato c’era tutta l’esuberanza […]

Read More…

La stagione bella

Vedi, oggi ti ho toccato talmente tanto con i pensieri, che non avrei parole da dirti e dita da darti, se fossi qui. Sei stato […]

Read More…

Riscrivi la tua vita

Ritiro di Yoga e coaching 2-4 luglio presso Centro Anuttara. Yogananda ha descritto la vita come un film cosmico: “Se vedessi cosa c’è dietro lo […]

Read More…