Diventare amore
Questo mi pare di avere di nuovo e più profondamente imparato.
Che nasciamo con un cervello liscio. Poi le prime lacrime disegnano dei solchi: dei pensieri automatici. E se non vogliamo passare tutta la vita a piangere le stesse lacrime, passeremo gran parte della vita a distenderli quei solchi.
Ho imparato che alcuni di questi incontri di pensieri si sciolgono facilmente, dipende dal trauma e dall’emotività.
Richiedono solo un po’ di carezze e un po’ di rassicurazioni, la certezza che una più alta gioia può scrivere strade altrettanto profonde.
Altri invece sono duri da svitare.
In particolare uno sarà il nostro compagno più ostico e fedele: e proprio lì c’è il compito per noi in questa vita. Tutto quello che dobbiamo fare prima di uscire di qui: comprenderlo, saggiarne la materia, farci pace e camminare insieme senza fretta di arrivare.
E’ fatto di spavento, e solo chiede amore.

Commenta

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

Scegli la luce!

Eccomi. Sono pronta a ripartire, e spero che i punti rotti per la mia recente esperienza di malattia siano ora ponti in cui può  passare […]

Read More…

In viaggio verso il cuore

Penso a una corriera del mattino: sul sedile è seduta mia madre. Viaggia con la borsetta stretta all’addome, i giornali freschi, qualcosa di buono e […]

Read More…

Partire per dove

Così ieri finalmente ho pianto. Non era sofferenza, era il venire a galla della mia parte fragile che chiedeva di essere vista e accolta. Era […]

Read More…