inclusione

Ieri mi è arrivata la storia di un musicista che rompe lo strumento durante un’importante esecuzione. Per un attimo si ferma tutto. Ci si attende che chieda un nuovo violino: invece lui fa segno all’orchestra di proseguire e esegue una musica meravigliosa con le corde che gli sono rimaste.

Era proprio la storia che aspettavo per definire una cosa che mi sta succedendo: credo di aver imparato ad amare le mie ferite. Ad includerle nelle mie giornate. A fare programmi che ne tengano conto. E da quando questo accade stanno molto meglio, e sto molto meglio anche io. Sta molto meglio il ginocchio lievemente incrinato. E anche il cuore, che ha smesso di mettere nel mezzo del presente le cose del passato.

Un tempo mi pareva di dover sempre attendere che le cose fossero completamente a posto prima di iniziare a fare sul serio. Ora invece so che tutto quello che c’è in questo momento è perfetto per la musica che devo suonare ora. Anche le cose fragili che mi fanno procedere un po’ di sghembo sono importanti e portano un colore unico, che non ci sarebbe senza di loro.

Chiamo questa inclusione amore, porta guarigione e rende piena la vita.

 

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

Esperimenti di verità

Prima, mentre sullo schermo del cielo passavano le nuvole tra i rami spogli, intervallando i colori rosso dorati della sera, ho avuto di nuovo una […]

Read More…

Grazia (e Grazie)

Durante un bellissimo corso di una cara amica e grande insegnante spirituale, rivedevo le pagine del calendario dell’anno passato. Un anno clamoroso, che da solo […]

Read More…

Scegli (ancora) la Luce!

YOGA COME STRADA DEL TUO VERO SÉ 39 pratiche di Ananda Yoga con gli insegnamenti tradizionali indiani attraverso la linea di Paramhansa Yogananda: 17 gennaio/ […]

Read More…