Morbidezza

Un tempo attendevo un Grande Interlocutore. Un luogo umano esterno a me in cui ci fosse aria di casa e si potesse respirare, riposare, perché ogni parte si sarebbe sentita accolta e compresa, senza bisogno di dirsi troppo. Per fortuna ora non faccio portare a nessuno questa responsabilità o il carico di essermi traguardo.

In questo modo ho imparato ad apprezzare anche quando la vita mi mette a confronto con uno specchio di una o di alcune parti di me, senza che le altre si sentano tradite e abbandonate. E non ho il bisogno di giudicare neppure nell’altro le parti che vanno per un cammino diverso, dove non sento passare la mia strada.
La cosa bella è che così la vita ha moltiplicato le occasioni di meraviglia, e dentro è cresciuta una nuova morbidezza, una nuova capacità di amare le cose senza volerle cambiare a mio modo, semplicemente perché non le devo possedere: ma solo far scorrere dentro i giorni che restano ben tenuti al mio centro interiore.
Qualcosa così credo sia la libertà che dobbiamo dare a noi stessi, per concederla anche a tutti gli altri.

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

Contenere in sé la bellezza

Questa mattina, prima di partire, mi sono seduta davanti al giardino della stanza che mi ospitava nel mio nuovo girovagare. A lato c’era tutta l’esuberanza […]

Read More…

La stagione bella

Vedi, oggi ti ho toccato talmente tanto con i pensieri, che non avrei parole da dirti e dita da darti, se fossi qui. Sei stato […]

Read More…

Riscrivi la tua vita

Ritiro di Yoga e coaching 2-4 luglio presso Centro Anuttara. Yogananda ha descritto la vita come un film cosmico: “Se vedessi cosa c’è dietro lo […]

Read More…