Affidarsi all’inatteso

Se una cosa va male, è meglio che ne vadano male almeno due. Allora la resa è più completa: allora hai davvero l’opportunità di aprire il cuore e di affidarti ad un disegno più grande, di cui tu puoi vedere solo le linee che dal cielo si sporgono in terra.

In questi giorni una gioia che aspettavo è andata in pezzi. In principio non riuscivo a farmene una ragione, ero in preda all’incredulità, cioè chiudevo la porta alla realtà così com’era. Poi, un’altra cosa del cuore mi ha richiesto un esercizio di distacco: di tagliare ogni attesa e lasciare che tutto si sistemasse nel suo ordine. Non in quello che volevo io: in quello che è giusto in questo momento e che capirò più avanti.

E’ durato solo una notte un senso di accanimento che mi colpiva, la vittoria del buio, la voglia di fuga: al mattino c’era un nuovo spazio vivo, pronto a pazientare, ad ascoltare, ad accogliere. A lasciar andare per fare spazio al bello inatteso che mi attende, e non lo so.

 

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altri articoli

Contenere in sé la bellezza

Questa mattina, prima di partire, mi sono seduta davanti al giardino della stanza che mi ospitava nel mio nuovo girovagare. A lato c’era tutta l’esuberanza […]

Read More…

La stagione bella

Vedi, oggi ti ho toccato talmente tanto con i pensieri, che non avrei parole da dirti e dita da darti, se fossi qui. Sei stato […]

Read More…

Riscrivi la tua vita

Ritiro di Yoga e coaching 2-4 luglio presso Centro Anuttara. Yogananda ha descritto la vita come un film cosmico: “Se vedessi cosa c’è dietro lo […]

Read More…