Qualcosa su di me

Sono nata ai piedi delle Dolomiti friulane, e mi sono tenuta sempre stretta alla verità della natura, agli orizzonti che...

Cosa ho fatto

Un tempo aggiornavo un curriculum fatto di lauree, albi professionali, certificati e abilitazioni, oggi sono soprattutto...

Cosa posso fare per te

A un certo punto mi è venuto naturale condividere anche con altri le cose che hanno funzionato per...

Esercizi di Felicità

Prove di futuro

Oggi ho ritrovato un appunto scritto qualche mese fa: conteneva un proposito che ora sarebbe tempo di mantenere. Ricordo perfettamente […]

Read More…

Yoga

RICOMINCIAMO!

Nei mesi scorsi molti hanno scoperto il valore dello yoga: in mezzo alle incertezze è rimasto come un albero maestro […]

Read More…

Crescita personale

Una pace futura potrà essere veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso: se ogni uomo si sarà liberato dell’odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore, se non è chiedere troppo.

Etty Hillesum

Lo sai che esiste anche la App Esercizi di felicità? Puoi scaricarla sul tuo smartphone per essere accompagnato sempre da pensieri di luce, come un girasole quotidiano. Ecco un estratto.

"Comprensione"

Mi sono innamorata di una debolezza. Un amico mi ha mostrato uno spigolo e per prima cosa mi sono irrigidita, mi sono fatta male. Poi ho respirato, e ho visto che ho molto più spazio nel cuore delle mie paure: la debolezza che ho visto ci è entrata benissimo, e dopo un po’ sono stata quasi commossa per il fatto di custodire un segreto così prezioso.

Ho sentito un bene nuovo, proprio perché non è nato dalle cose splendenti che conosco di lui, ma dall’aver abbracciato l’intero di una persona, senza necessità di farla a pezzi e di separare.

Allora, già che c’ero, ho sistemato nello stesso spazio anche due o tre cose che non mi piacciono di me. E anche a quelle ho subito voluto benissimo. E poi anche tanti vecchi torti: li ho presi in mano, piegati e riordinati.

Ho capito che erano l’unica cosa che allora quelle persone erano in grado di fare. Ed era per la mia rigidità che continuavano a farmi male. Così, invece, una volta accolti, sono stati completamente addolciti, disarmati.