Diario ayurvedico 4 – esiti di libertà

Kovalam – pescatori nell’azzurro

E così si conclude oggi anche questo pezzo di cammino, anche se mi resta un po’ di vita indiana nei giorni a venire. L’incontro con l’ayurveda nella sua madre terra è stato più profondo ancora di quello che mi aspettassi. Dopo 21 giorni, il corpo di sicuro ne esce più pulito, strizzato di tutto quello che non ero io, ma questo non è nulla rispetto a quello che è accaduto all’anima. Sento che è successo qualcosa da cui non posso più tornare indietro, che ho visto paesaggi interiori e meccanismi della mente di cui non voglio più cadere vittima. Ho riletto la mia vita alla luce di un punto di vista nuovo, che ora spero mi guiderà nel futuro.

Ho sentito per la prima volta non astrattamente che quello che noi chiamiamo Io è solo una verità mascherata. E che per raggiungere il vero sé e necessario diventare osservatori del proprio corpo e ancora di più della propria mente, in modo quasi impersonale. Riconoscere i propri pensieri, le proprie emozioni, i propri sentimenti, rispettarne l’intensità, le cause che li hanno generati, ma poi anche diventare consapevoli che non siamo tutto questo chiacchierare che ci impedisce di sentire la musica del nostro silenzio, della nostra pace, della nostra gioia interiore. E che, se si arriva lì, si è veramente in salvo.

In certi momenti, quando la notte virava al rosa del mattino, mentre si risvegliavano gli uccelli esotici con canti che mi sono diventati amici, mentre il vento tra le palme portava via quello che restava dell’oscurità, per brevi istanti ho visto chiaro. Come se tutte le terapie avessero pulito i vetri della vista interiore. Per qualche pausa di grazia ho potuto distanziarmi da un’idea fissa e mentale su me stessa, e anche portare grande rispetto e amore per quella me che ha camminato finora legata ai condizionamenti della mente, spesso nati da dolori molto antichi, che forse ora sono in grado di lasciar andare.

Si tratta ancora una volta di un problema di libertà. Quando si deve decidere cosa di noi va cresciuto e da cosa invece è bene preparare il distacco, la domanda che dovremmo farci è infatti sempre la stessa: tutto ciò mi avvicina o mi allontana dalla libertà? E se ci accorgiamo che ci sono in noi tracciati che pensiamo di governare ma che invece tirano i nostri fili come burattini, allora bisogna prepararsi al taglio. Se è la vera libertà quella che cerchiamo in questa attraversata di vita. Se è, infine, la verità, la cosa che desideriamo più di ogni altra cosa.

Quanto a me, voglio provarci a smettere vecchi spaventi, vecchie definizioni, cambiare occhi e parole quando mi penso, provarci anche a non tendermi più per resistere alla vita: ad arrendermi, ma con fiducia e verso l’alto, al suo abbraccio perfetto.

Published by

Giulia

La mia più grande fortuna è stata quella di non realizzare i sogni che avevo da bambina, in un piccolo paese del Friuli: la vita ha avuto più fantasia di me. Non avrei mai pensato di studiare letteratura, poesia, teatro a Padova, Parigi, Pavia e poi di viverle con i protagonisti. La scrittura era una passione segreta ed è diventata il mio lavoro, negli ultimi undici anni per i periodici Rizzoli. Da dieci mi occupo anche di comunicazione per il teatro. Mi si trova spesso con la valigia in mano e tappetino da yoga sotto braccio: mete preferite Sud America, Africa, Sud Est asiatico dove faccio reportage sociali. Ultimamente anche in India, dove ho trovato uno dei luoghi che chiamo casa. Case sono per me posti in cui l'anima respira: tra questi ci sono sempre le mie Dolomiti, certi colli dell'Umbria e il mio divano a Milano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.