India semiseria. Vita da hippie

Il mio scooter, per le vie di Auroville

Poco fa, mentre cenavo nella veranda della casetta trasparente, murata solo con veli antizanzara per non interrompere il contatto della natura, ho sentito parlare di rivoluzione. Sì, proprio di ‘Rivoluzione’. Si diceva: “la rivoluzione forse non è ancora così imminente”. Caspita, la Rivoluzione, che paura, era un po’ che non la sentivo nominare. Cioè, in diretta non ne ho sentito parlare per motivi anagrafici, però pensavo che in generale il discorso fosse stato archiviato, che alcuni esempi non felicissimi della Storia fossero bastati a girare pagina per ideali meno chiassosi e più alti, se non è chiedere troppo. Invece qui qualcuno  ancora sogna la Rivoluzione!

Avete presente i ragazzi del ’68 e poi dei ’70 che sfrecciavano con le Harley Davidson nelle strade sterrate in segno di libertà, sventolando barbe folte e capelli lunghi tenuti con una bandana sulla fronte sui petti nudi abbronzati? Sono tutti qui. I capelli sono bianchi, sempre lunghi; i petti hanno pieghe di pelle che si accartocciano come il soffietto di una fisarmonica arso, ma non hanno mollato impeto e ideali. Anzi: molti di quelli che hanno sognato e fondato Auroville vengono da quel mondo di sognatori, fortunatamente volto per i più da una ricerca esteriore ad una ricerca interiore. Dal cambiare il mondo al cambiare se stessi.

Strade di Auroville

Però ancora, quando è l’ora del tramonto e il cielo arrossa, il romanticismo si risveglia con tutte le sue nostalgie. Anche rivoluzionarie. Allora capita che qualcuno tiri fuori una chitarra, si accenda un fuoco e si arrivi anche a parlare proprio di Rivoluzione.

Io stessa, che giro con lo scooter, che non avevo mai guidato prima, mi sono accorta precisamente che credevo di fare una vita naturale, spirituale, immersa nel creato, invece sto conducendo una vera e propria vita hippie. Fondamentali per sopravvivere qui sono: indipendenza, ecologia, adattabilità. Queste sono state le istruzioni che ho ricevuto quando mi sono state date le chiavi della casetta: ti prendi una moto, di là… ma sarebbe troppo complicato spiegarti come, arrivi al centro di Auroville; di là, ma sarebbe ancora più complicato, vai ai villaggi e al mare. Sbagli un po’ di volte poi la impari.

E poi, capitolo riciclo dei rifiuti: separi la carta, la plastica, il vetro in borse di plastica che ricicli e lavi. Lavi anche la plastica e il vetro. Invece la carta igienica e i tuoi altri eventuali rifiuti sanitari li bruci da te. Come li brucio? ho chiesto. Sì, li devi bruciare. Li devo bruciare. E giuro, non bruciano neanche a morire. Dovrebbero anzi farne una variante: con ali, senza ali e combustibili.

La casa fatta di respiro

Oggi dietro la casetta, mentre avevo acceso il mio piccolo inceneritore, c’era un’altra donna che girava facendo finta di niente, poi ha preso coraggio e ha fatto anche lei il suo falò soffiando forte con le guance gonfie sperando di vincere la natura ignifuga di questi affari. E come capita tra donne, ci si è messe a parlare. “Ma i cioppini con il ferretto dentro dei sacchetti del pane in che immondizia vanno? E i tappi metallici delle bottiglie, e le etichette di stoffa dei vestiti, e i bastoncini dei cottonfioc?”, non abbiamo saputo rispondere e credo che ritorneranno con noi in valigia a casa.

bucato

Nel frattempo ho fatto anche il mio primo vero bucato, con una lavatrice degli anni ’70. Ma siccome stanno rifacendo le strade perché a giorni verrà il Primo Ministro a visitare Auroville per i suoi 50 anni di utopia vivente, la corrente salta ogni momento. Quindi, dopo 6 ore di lavatrice, ho anche io tutti i miei vestiti che puzzano di muschio e altri ecosistemi di acque stagne. In fondo però sono felice.

Aggiornamenti, coming soon

 

Published by

Giulia

La mia più grande fortuna è stata quella di non realizzare i sogni che avevo da bambina, in un piccolo paese del Friuli: la vita ha avuto più fantasia di me. Non avrei mai pensato di studiare letteratura, poesia, teatro a Padova, Parigi, Pavia e poi di viverle con i protagonisti. La scrittura era una passione segreta ed è diventata il mio lavoro, negli ultimi undici anni per i periodici Rizzoli. Da dieci mi occupo anche di comunicazione per il teatro. Mi si trova spesso con la valigia in mano e tappetino da yoga sotto braccio: mete preferite Sud America, Africa, Sud Est asiatico dove faccio reportage sociali. Ultimamente anche in India, dove ho trovato uno dei luoghi che chiamo casa. Case sono per me posti in cui l'anima respira: tra questi ci sono sempre le mie Dolomiti, certi colli dell'Umbria e il mio divano a Milano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.