Pezzi di me

pezzi di me 1

E’ un momento preciso quello in cui il passato passa. Come il ruvido di una stoffa strappato dalle dita: non è una cosa della mente, è di tutti i sensi. Per un po’ avevi camminato in direzione opposta, ma come i gamberi, tenendo la faccia e lo sguardo fisso su quel pezzo della vita, per vedere se c’erano ancora pezzi di te nei suoi gesti. In quella che vi ostinavate a chiamare libertà. Poi un giorno respiri, volti la schiena. Vai.

pezzi di me 2

Ti osservi stesa alla fine di un giorno di sole, di pioggia, di arcobaleni. Raccogli quello che di te hai vicino: le ginocchia, il rosso dei capelli, le dita con le mani. Lasci che tutto il resto, i fili che sono volati in giro per il mondo, sia e basta. Ci sono pazienti tessitrici che stanno costruendo le maglie del domani. Riposa: non c’è bisogno del tuo sguardo questa sera.

Published by

Giulia

La mia più grande fortuna è stata quella di non realizzare i sogni che avevo da bambina, in un piccolo paese del Friuli: la vita ha avuto più fantasia di me. Non avrei mai pensato di studiare letteratura, poesia, teatro a Padova, Parigi, Pavia e poi di viverle con i protagonisti. La scrittura era una passione segreta ed è diventata il mio lavoro, negli ultimi undici anni per i periodici Rizzoli. Da dieci mi occupo anche di comunicazione per il teatro. Mi si trova spesso con la valigia in mano e tappetino da yoga sotto braccio: mete preferite Sud America, Africa, Sud Est asiatico dove faccio reportage sociali. Ultimamente anche in India, dove ho trovato uno dei luoghi che chiamo casa. Case sono per me posti in cui l'anima respira: tra questi ci sono sempre le mie Dolomiti, certi colli dell'Umbria e il mio divano a Milano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.