tracce di eternità nel pomeriggio

Mettere da parte nel tempo che scorre e finisce dei pezzetti di eternità, questo è il capolavoro che si dovrebbe cercare di fare ogni giorno, mentre siamo strappati a noi stessi da tante cose, cose che paiono non far mai iniziare davvero i fondamentali della vita. E ci si potrebbe perdere, perché l’eternità è lontana, rimandabile ogni mattino al mattino seguente, mentre questi singoli pungoli avvengono nell’attimo e chiedono la nostra cura immediata. E affrettarsi non fa arrivare prima a quello che resta sotto i veli e attende di essere rivelato. Serve allora piuttosto rallentare, stare dentro ognuna di queste cose che non ci fanno fare i compiti con il cielo, ci pare, e vedere come l’attenzione le illumini da dentro: capire che non era oltre quell’orizzonte la verità della vita, ma era presente al suo interno. Che andando piano il tempo si allunga, diventa eterno.

Published by

Giulia

La mia più grande fortuna è stata quella di non realizzare i sogni che avevo da bambina, in un piccolo paese del Friuli: la vita ha avuto più fantasia di me. Non avrei mai pensato di studiare letteratura, poesia, teatro a Padova, Parigi, Pavia e poi di viverle con i protagonisti. La scrittura era una passione segreta ed è diventata il mio lavoro, negli ultimi undici anni per i periodici Rizzoli. Da dieci mi occupo anche di comunicazione per il teatro. Mi si trova spesso con la valigia in mano e tappetino da yoga sotto braccio: mete preferite Sud America, Africa, Sud Est asiatico dove faccio reportage sociali. Ultimamente anche in India, dove ho trovato uno dei luoghi che chiamo casa. Case sono per me posti in cui l'anima respira: tra questi ci sono sempre le mie Dolomiti, certi colli dell'Umbria e il mio divano a Milano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *